rivolirivoltadeimorti2018
banner voyager

 

Nell’ambito di un programma di collaborazioni museali internazionali, il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e il Centre Pompidou, Parigi, presentano la prima retrospettiva di Nalini Malani in Italia e in Francia.

La mostra, che copre quasi cinquant’anni di carriera artistica, è articolata in due parti, ciascuna delle quali comprende una differente selezione di opere. Dopo la prima parte, allestita al Centre Pompidou nell’autunno del 2017, la seconda parte della retrospettiva esordisce al Castello dal 18 settembre 2018 al 6 gennaio 2019. Riconosciuta pioniera dell’arte contemporanea in India, l’artista Nalini Malani (Karachi, 1946) vive e lavora a Mumbai, città che l’artista preferisce continuare a chiamare Bombay.

Malani esplora attraverso il disegno, la pittura, l’installazione e numerose altre forme sperimentali d’arte la ciclicità della violenza nella storia, in particolare quella sulle donne, nel contesto dell’inarrestabile globalizzazione. Profondamente politica, l’arte di Malani prende ispirazione da archetipi presenti nella cultura orientale, nei miti greci, in un dialogo di ampio respiro che include il teatro e la letteratura contemporanea.

Coinvolgendo gli osservatori in ambienti immersivi e multisensoriali, l’artista riflette sulle conseguenze devastanti delle guerre, dei fanatismi religiosi e dello sfruttamento dell’ambiente naturale.

E’ una mostra molto intensa. Fino al 6 gennaio 2019.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here