amodomioAosta
banner voyager

Per Made in Italy proponiamo “A modo mio. Nespolo tra arte, cinema e teatro / installation view al Centro Saint-Bénin, Aosta a cura di Alberto Fiz in collaborazione con Maurizio Ferraris.

Apertura durante le festività natalizie dal martedì alla domenica, ore 10.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00 chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1 gennaio.

MinI: a modo mio Aosta
A modo Mio ad Aosta in Made in Italy

Fino all’8 aprile 2018 al Centro Saint-Bénin di Aosta è possibile vedere la mostra A modo mio. Nespolo tra arte, cinema e teatro, dedicata all’esperienza interdisciplinare dell’artista piemontese. L’esposizione, organizzata dall’Assessorato Istruzione e Cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta, è curata dal critico Alberto Fiz in collaborazione con il filosofo Maurizio Ferraris.

Durante le festività natalizie la mostra sarà visitabile con i consueti orari di apertura (chiuso il lunedì 25 dicembre e 1 gennaio).
Il periodo festivo sarà quindi l’occasione per conoscere l’eclettico universo artistico di Ugo Nespolo, attraverso le oltre 80 opere esposte al Centro Saint-Bénin: dipinti, disegni, maquettes per il teatro, sculture, ex libris, tappeti, fotografie e manifesti realizzati dal 1967 sino a oggi in un percorso spettacolare e coinvolgente, ideato per gli spazi dell’ex chiesa sconsacrata. Compare persino una barca da canottaggio di otto metri interamente decorata.

Dall’arte al cinema, dai cartoon televisivi alla logica matematica sino al teatro, le opere, disposte in base a tracciati tematici, creano una costellazione all’interno del Centro Saint-Bénin da cui emerge la versatilità di uno dei più originali e trasgressivi interpreti della scena contemporanea italiana, che ha ripercorso stili e stilemi “a modo suo”, senza mai lasciarsi imbrigliare dalle convenzioni.

Il catalogo della mostra, in italiano e francese, con la pubblicazione di tutte le opere esposte, è edito da Magonza. Insieme ai saggi di Maurizio Ferraris, Alberto Fiz, Daria Jorioz e a un’intervista di Nespolo con Pietro Bellasi, contiene una serie di scritti dell’artista e testimonianze, tra gli altri, di Renato Barilli, Gillo Dorfles, Vittorio Fagone, Gianni Rondolino, Francesco Poli e Tommaso Trini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here