banner voyager

Comunicato relativo ai problemi della compagnia Ryanair

Ryanair, la compagnia più grande in Europa, ha confermato il rallentamento della crescita per quest’inverno (da novembre 2017 a marzo 2018), facendo volare 25 aeromobili in meno (sulla sua flotta complessiva di 400 velivoli) a partire da novembre, e 10 velivoli in meno (su 445) da aprile 2018. Riducendo in maniera controllata la programmazione dei voli, Ryanair:

  • eliminerà il rischio di ulteriori cancellazioni di voli, in quanto una crescita più lenta si traduce in più aerei ed equipaggi di riserva disponibili nel corso di quest’inverno nelle 86 basi di Ryanair.
  • programmerà le licenze dei piloti nel corso dei mesi di ottobre, novembre e dicembre per soddisfare l’obbligo previsto dalla IAA (Irish Aviation Authority) di completare le ferie nel periodo di transizione di 9 mesi (da aprile a dicembre 2017). In questo modo Ryanair potrà iniziare il nuovo calendario ferie dal 1° gennaio 2018 senza arretrati.
  • programmerà quasi il 40% delle ferie annuali 2018 dei piloti nel primo trimestre del 2018, eliminando il rischio di problemi legati alla programmazione dei turni il prossimo anno.
  • lancerà una serie di offerte per la vendita di biglietti a tariffe promozionali nell’inverno 2017 sicura del fatto che non ci saranno ulteriori cancellazioni dovute alla programmazione dei turni

La crescita più lenta di quest’inverno avrà un impatto positivo sotto diversi punti di vista sui vari gruppi di stakeholder di Ryanair, come segue:

1. Per i clienti Ryanair

  1. Volare con 25 aerei in meno quest’inverno comporterà alcuni cambiamenti nella programmazione dei voli da novembre 2017 a marzo 2018. Abbiamo meno di 400.000 clienti prenotati su questi voli (interessati per meno di 1 volo al giorno su 200 aeroporti in un periodo di 5 mesi durante l’inverno), e molti di questi voli hanno attualmente zero prenotazioni. Meno dell’1% dei 50 milioni di clienti che Ryanair trasporterà quest’inverno saranno coinvolti e ognuno di loro ha ricevuto oggi una e-mail di notifica relativa a cambiamenti di programmazione, offerta di voli alternativi o rimborso completo della tariffa aerea, dando loro un preavviso compreso tra le 5 settimane e i 5 mesi. I clienti hanno inoltre ricevuto un voucher di viaggio del valore di €40 (€80 in caso di cancellazione di entrambe le tratte di andata e ritorno) che permetterà loro di prenotare – durante il mese di ottobre – un volo Ryanair in partenza tra ottobre 2017 e marzo 2018.
  1. Abbiamo inoltre inviato una e-mail a ognuno dei 315.000 clienti i cui voli sono stati precedentemente cancellati nel periodo di 6 settimane nei mesi di settembre e ottobre. (Ryanair trasporta 15 milioni di clienti ogni 6 settimane). Abbiamo offerto a ognuno di questi clienti un voucher di viaggio del valore di €40 (€80 in caso di cancellazione di entrambe le tratte di andata e ritorno), per viaggiare tra ottobre e marzo 2018. Questo voucher va ad aggiungersi alle riprotezioni e  ai rimborsi ricevuti la scorsa settimana, e alla compensazione UE261 che possono chiedere e ricevere nelle prossime settimane. (Nota: €40 supera il costo della tariffa media di Ryanair).
  1. Per il restante 99% dei clienti Ryanair non coinvolti dalla cancellazione di questi voli e dai cambi di programmazione, questa crescita più lenta comporterà che da oggi non c’è più rischio di ulteriori cancellazioni causate dalla programmazione dei turni.
  2. Queste misure hanno già ripristinato l’affidabilità e la puntualità da leader di Ryanair. I clienti potranno approfittare di tariffe ancora più basse, grazie a maxi-offerte lanciate nei prossimi giorni e settimane in risposta al problema legato alla programmazione dei turni. Una di queste inizierà questo weekend con 1 milione di posti in vendita a partire da €9,99 a tratta per viaggiare a ottobre, novembre e dicembre.
  1. Per i piloti di Ryanair
  1.  Apprezziamo il supporto ricevuto dai nostri 4.200 piloti nelle ultime settimane. Centinaia di piloti e molti dei loro comitati di rappresentanza (ERC) sono regolarmente in contatto con la compagnia aerea. Molti si sono offerti di lavorare nei loro giorni di riposo o in una delle settimane del loro mese di ferie, dando la propria disponibilità a parlare in pubblico per rettificare le false dichiarazioni rilasciate ad alcuni media da parte di piloti di compagnie aeree concorrenti. Apprezziamo la loro professionalità che si traduce nel fatto che dallo scorso lunedì (18 settembre) Ryanair ha operato oltre 16.000 voli giornalieri con solo 3 cancellazioni e oltre il 96% della prima serie quotidiana di voli è partita in orario.
  1. Questa crescita più lenta offrirà maggiore stabilità alla turnazione dei piloti da novembre a marzo. Non avremo necessità che i piloti rinuncino a una settimana delle loro fiere annuali da novembre in poi. Una crescita più lenta crea un numero più ampio di piloti in stand-by. In questo modo possiamo programmare tutte le ferie annuali dovute nei prossimi 3 mesi fino a dicembre, e molto più nel primo trimestre del 2018.
  1. Abbiamo comunicato questi cambi ai piloti di Ryanair oggi via e-mail. Abbiamo assicurato loro che il congedo annuale è garantito. Questo elimina il problema della programmazione dei turni quest’inverno, perché una crescita più lenta significa che i nostri piloti non sono più chiamati a riorganizzare le proprie ferie annuali.  Stiamo implementando un aumento salariale di €10.000 per i capitani e €5.000 per i primi ufficiali nelle basi di Dublino, Stansted, Berlino e Francoforte a partire dal 1° ottobre, come concordato in un recente incontro con i comitati di rappresentanza degli impiegati (ERC) di queste 4 basi. Abbiamo ricevuto richieste da parte di altri comitati (ERC) interessati a di discutere questi problemi e fisseremo degli incontri nei prossimi mesi.
  1.  Non risponderemo o daremo seguito alle richieste anonime inviate da e-mail prive di firma per l’organizzazione di riunioni di gruppo o a livello regionale, così come non risponderemo o daremo seguito a interferenze sindacali a questi incontri interni con i comitati di rappresentanza (ERC). Molti dei nostri piloti e comitati di rappresentanza ERC hanno confermato che queste lettere non firmate sono state redatte da piloti/sindacati di compagnie aeree concorrenti che vogliono perseguire secondi fini a spese di Ryanair e dei suoi piloti.
  1. Abbiamo inoltre contattato i nostri piloti per correggere le false dichiarazioni apparse la settimana scorsa in merito al nostro sistema di assunzione dei piloti. Quest’anno meno di 100 capitani hanno lasciato la compagnia aerea (principalmente per andare in pensione o per passare a vettori a lungo raggio) e meno di 160 primi ufficiali (molti dei quali sono stati assunti da compagnie aeree a lungo raggio). Nei prossimi otto mesi Ryanair ha assunto e addestrerà oltre 650 piloti i quali, da un lato sostituiranno chi ha lasciato l’azienda o è andato in pensione e dall’altro andranno a costituire l’equipaggio dei 50 nuovi velivoli Boeing che acquisteremo a maggio 2018, portando la nostra flotta a quota 445 aeromobili per la programmazione dell’estate 2018. Contrariamente alle false affermazioni in merito alla carenza di piloti, Ryanair ha registrato nelle ultime settimane un aumento delle candidature di piloti provenienti da vettori dell’area del Golfo, dalla Germania e dall’Italia dove sia Air Berlin che Alitalia sono in bancarotta e centinaia di piloti si trovano ad affrontare la perdita del lavoro o significativi tagli alla loro retribuzione e condizioni contrattuali.
  1. Per i nostri azionisti
  1. Il rallentamento della crescita ridurrà leggermente il traffico di quest’anno e del prossimo anno. La crescita mensile da novembre 2017 a marzo 2018 scenderà dal 9% al 4%. Il nostro traffico annuale di 131 milioni di passeggeri sarà ora ridotto a 129 milioni, il 7,5% in più rispetto allo scorso anno. Riducendo la crescita della nostra flotta da 445 a 435 aeromobili per l’estate 2018, il traffico passerà da 142 a 138 milioni a marzo 2019, con un tasso di crescita del 7%.
  2. Il costo totale delle cancellazioni dei voli effettuate la scorsa settimana sarà inferiore ai €25 milioni. Prevediamo che il costo dei buoni gratuiti rilasciati oggi ai clienti coinvolti sarà inferiore a €25 milioni. Ci aspettiamo rendimenti leggermente inferiori nei prossimi due mesi in quanto proporremo posti a tariffe più basse. Non crediamo che queste iniziative possano modificare la nostra previsione annuale che si pone tra i €1,40 e €1,45 miliardi netti. Forniremo agli azionisti un aggiornamento completo durante la presentazione dei risultati dei primi sei mesi dell’anno in programma per fine ottobre.

4. Per i nostri dipendenti Abbiamo riorganizzato la nostra procedura di assunzione e gestione dei turni dei piloti e investiremo in ulteriori risorse per assicurarci che questi problemi non si ripetano. I 13.000 professionisti dell’aviazione altamente qualificati di Ryanair continuano ad offrire le tariffe più basse d’Europa ad una base di clienti fedele e in crescita di 129 milioni di passeggeri p.a. Questo, in oltre 30 anni di risultati eccezionali, continuerà, ma solo se impariamo da questo errore e ci impegniamo per fare in modo che non accada più. Per concentrarci nella risoluzione del problema legato alla programmazione dei turni questo inverno, Ryanair eliminerà tutte le distrazioni a livello gestionale, partendo dal suo interesse per Alitalia. Abbiamo informato i commissari straordinari di Alitalia che non intendiamo perseguire il nostro interesse per la compagnia aerea o inviare ulteriori offerte.

Michael O’Leary, CEO di Ryanair, ha affermato: “Ci scusiamo sinceramente con i clienti coinvolti dalle cancellazioni dei voli della scorsa settimana, o dai rilevanti cambiamenti della programmazione annunciati oggi. Oltre il 99% dei nostri 129 milioni di clienti non sarà coinvolto da cancellazioni o disagi, e ci scusiamo profondamente per qualsiasi dubbio che possiamo aver creato la settimana scorsa circa l’affidabilità di Ryanair o il rischio di ulteriori cancellazioni per i clienti con una prenotazione in essere.   Da oggi non ci saranno ulteriori cancellazioni di voli legate alla programmazione dei turni questo inverno o nell’estate del 2018. La crescita più lenta di questo inverno creerà un’ampia riserva di aerei ed equipaggi che ci permetteranno di gestire i volumi eccezionali di ferie annuali che ci impegniamo ad allocare nei nove mesi fino a dicembre 2017. A partire dell’1 gennaio 2018, nel pieno rispetto delle normative UE e dei requisiti richiesti dall’Irish Aviation Authority, introdurremo il nuovo calendario di ferie annuale di dodici mesi.   A tutti i passeggeri coinvolti da questi disagi sono stati ora offerti riprotezioni o rimborsi completi in piena conformità delle normative UE261. Inoltre oggi riceveranno un voucher di viaggio (€ 40 solo andata / € 80 andata e ritorno) da utilizzare per prenotare nel mese di ottobre qualsiasi volo Ryanair a loro scelta per viaggi tra ottobre e marzo 2018. Non vediamo l’ora di accoglierli tutti a bordo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here