banner tui

Lago di GardaConteso tra le città di Brescia, Verona e Trento, il Lago di Garda è un luogo meraviglioso, ricco di bellezze naturalistiche. Oggi parliamo della sponda bresciana, dove non risiedono i grandi parchi giochi, ma quella sicuramente più legata alla tradizione con castelli, chiese e centri abitati.Questo è un viaggio veloce da sud a nord attraversando i paesi e le colline, assaporando la pace e la tranquillità dei suoi luoghi, scelti tra gli altri da due grandi come Catullo e D’Annunzio.

Partiamo dalla zona sud

Sirmione: fin dai tempi più antichi il Lago di Garda è conosciuto per la bellezza della penisola di Sirmione, con le famose terme e le grotte di Catullo, con il Castello scaligero e il suo porticciolo. Qui il poeta vi aveva costruito la sua villa che è ancora visibile al pubblico. Sirmione oltre ad essere un noto centro turistico è una delle uniche spiagge lacustri italiane ad aver meritato un bandiera azzurra i Legambiente per la pulizia delle sua acque balenabili. Dopo un breve tratto di strada, tra alberghi e ville si parcheggia l’automobile e ci si addentra a piedi nel centro abitato. Attraversato il ponte che da parecchio non è più levatoio si possono scegliere tre strade: si può decidere di visitare il castello e di salire sulle sue torri. Ci si può spingere all’interno del paese attraversando stradine ed una miriade di negozi, bar e gelaterie. Oppure si può decidere di andare alla spiaggia che si trova a est. In ogni opzione il paese si può visitare in un paio di orette buone, magari fermandosi in qualche bar per godersi il clima e il sole. Prima di uscire dal centro abitato è d’obbligo una visita alla chiesa di San Pietro in Mavino.

Imboccando la strada statale 11 si prende la direzione di Desenzano, paese che è noto per i suoi negozi e per il suo porto. Ricorda una cittadella sul mare. Proseguendo a sinistra della statale 11 e attraversando colline ricche di vegetazione ci si imbatte nel paese di Lonato con la Rocca , la torre civica e naturalmente la cupola del Duomo. All’interno della Rocca si può visitare la Casa del Podestà che è sede della Fondazione Ugo Da Como (all’interno vi è una biblioteca con più di 50 mila volumi e il museo ornitologico con 700 esemplari). Da visitare anche la torre Civica con l’orologio di oltre 200 anni funzionante a contrappesi di pietra. Dopo Lonato non deve mancare una visita all’Abbazia benedettina di Maguzzano che è stata costruita nel V° sec. e  Castel Drugolo.

Proseguendo con l’automobile verso nord si incontra Padenghe con il suo castello medievale dalle mura a ciottoli. Al suo interno rimane solo il paese e quasi nulla del vecchia costruzione dove risiedeva la guarnigione militare. Poco dopo si arriva a Moniga del Garda. Qui comincia una delle zone più belle del Lago di Garda , con strade all’ombra di olivi, di pini marini, di boschi. Tra colline e avvallamenti si procede verso Manerba. Merita una visita la Rocca, uno sperone roccioso alto 150 metri da dove si gode una stupenda vista del lago (ideale al tramonto). Sotto la rocca cominciano le spiagge balenabili, non sempre facili da raggiungere ma sicuramente molto belle (da evitare durante le domeniche d’estate se non amate l’affollamento). Dalla Rocca di Manerba si può notare anche la bella Isola di Garda, con Villa Cavazza. Purtroppo l’isole è privata è non vi è modo di raggiungerla se non in barca.Superata la zona delle colline passando il delizioso paese di San Felice, si arriva a Salò.

Celebre durante la seconda guerra mondiale divenuta capitale della repubblica di Salò la cittadina è l’ideale per le passeggiate a bordo lago. è infatti l’unico paese della sponda bresciana ad avere un vero lungolago pedonale con negozi e bar (ideale al tramonto o alla sera).In paese meritano una visita la loggia della Magnifica Patria, il Museo archeologico e il Museo storico-militare del Nastro Azzurro, con cimeli delle ultime guerre. Proseguendo lungo la SS 11 si passa accanto a Palazzo Pallavicino Martinengo ed infine si arriva a Gardone Riviera.

Il Vittoriale

A Gardone Riviera non bisogna perdere il Vittoriale Degli Italiani voluto da Gabriele D’Annunzio. All’interno cimeli del grande poeta, il teatro panoramico  lo Schifamondo, la Nave Puglia e moltissime altre cose da non perdere. Sulla vostra sinistra noterete poi Villa Alba(famosa per le feste) e a destra la Torre San Marco, ovvero la darsena di D’Annunzio. La strada scorre veloce e tra un panorama e l’altro si passa accanto a Villa Paradiso, celebre Beauty Farm di bellezza e si arriva a Toscolano Maderno. Anche questo paese merita una sosta. Non si può fare a meno di notare la chiesa romanica di Sant’Andrea e il porto. in passato entrambe erano costruiti all’interno di un grande castello medievale del quale oggi rimane solo una torre. Merita una visita anche la chiesa dei Santi Pietro e Paolo e il vicino Santuario della Madonna del Benaco (vicino al Santuario vi è sono i resti di una villa romana che è stata parzialmente sommersa). Qui la montagna si getta nel lago e lo spazio è sempre più ristretto. Tuttavia a mio parere Vi sono due delle spiagge più belle: Sabbidoro e la spiaggia degli ulivi. A Toscolano attracca anche l’aliscafo per possibili gite in barca e il ferry boat che porta sull’altra sponda veronese (Torri del Benaco).

Avanzando arriviamo a Gargnano dove si vede Palazzo Feltrinelli, la villa del Duce durante la repubblica di Salò (ora sede universitaria) e il chiostro e la chiesa di San Francesco. Man mano che ci dirigiamo verso nord notiamo le tipiche costruzioni delle limonaie. Si giunge quindi a Limone del Garda in terra trentina.

Il Lago di Garda è un mondo a sé sia per il microclima che è mite tutto l’anno, sia per la varietà di luoghi da poter visitare, resi famosi dalla storia, e dalle tradizioni.E’ un luogo che si ama a prima vista e non stupisce che sia il lago più amato dai turisti tedeschi. Vi ricordo che le spiagge più belle sono: Padenghe, la Romantica, la Rocca e L’isola dei Conigli a Manerba, la Baia del Vento a San Felice, Sabbiadoro e gli Ulivi a Toscolano. I prodotti tipici sono il limoncello, l’olio di oliva, il vino, nonché la cucina tipica.

FB

Foto:

  1. Il Castello di Lonato (fotografia contenuta nella guida: Castelli e Ville in Lombardia – Ass.Castelli & Ville Aperti in Lombardia / Regione Lombardia). 
  2. La Rocca di Manerba in lontananza.
  3. La chiesetta di Sant’Andrea a Toscolano Maderno. 
  4. Una delle più belle spiagge del Lago di Garda: Gli ulivi.. 
  5. Il lago da un lato e la montagna dall’altro. Tipico paesaggio… 
  6. L’ingresso del Vittoriale Degli Italiani (fotografia contenuta nella guida: Castelli e Ville in Lombardia – Ass.Castelli & Ville Aperti in Lombardia / Regione Lombardia).
  7. Sempre protagoniste le spiagge  durante l’estate… 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here