Torri Petronas
Le torri Petronas dalla torre del complesso Menara a Kuala Lumpur.
banner voyager

Avete presente il fascino dei pirati, l’alone di mistero di mari orientali,  il sole e le spiagge bianche e i grattaceli più alti del mondo… questa è la Malesia. È un posto unico dove accanto  a circuiti di Formula Uno e autostrade a 4 corsie per ogni senso di marcia trovate jungla  inesplorata e templi…. Un viaggio per stare a stretto contatto con la natura.

Kuala Lumpur: tra futuro e passato

Prima meta Kuala Lumpur dove l’aeroporto è a soli (?) 80 Km dalla città. I taxi vi chiederanno tariffe che si aggirano intorno alle 25.000 lire italiane, il che non è molto se avete presente gli standard occidentali, ma qui è abbastanza.Se non volete fidarvi dei tassisti, che sono anche simpatici, prendete i taxi a tariffa fissa aeroporto-City. Il cambio: ne trovate moltissimi  in aeroporto, consiglio cambiate poco poi farete in città nelle numerose banche.

Palazzo del Sultano
Questo il palazzo del Sultano Ismail

Kuala Lumpur è un insieme di grattacieli, parchi, centri commerciali, e sopratutto automobili e moschee. La gente è gradevole e identificherete 3 fisionomie: la malese, la cinese e l’indiana.Quando passeggerete per le vie della città farete caso sopratutto alla varietà dei colori e delle razze che vivono tutte insieme. Anche se qui abbiamo 3 religioni diverse non avrete nessun tipo di problemi nè di tensioni. Potete tranquillamente passare da un tempio induista ad una moschea. Meritano una visita in città le Torri Petronas (le più alte  del mondo) dove purtroppo non si puro salire fino in cima come è possibile in vece in U.S.A. presso le Sears Tower di Chicago. Ai piedi delle Torri Petronas c’è un Mega centro commerciale (SURIA) che non potete  perdervi!! Quattro piani con annesso museo, ristoranti (ottimo il giapponese con il nastro trasportatore per scegliere le portate) e negozi di ogni tipo, dalla tecnologia ai gioielli. Vi passerete 3 ore buone… Altra visita da non perdere la torre Menara qui si può salire veramente in alto… Dall’osservatorio avrete una visione totale della città. Visita da non perdere poi Il Central Market a Chinatown dove  troverete dai cd, video cd, vhs, orologi, occhiali, borse, magliette ecc. tutto rigorosamente FAC-SIMILE ma fatto benissimo. Consiglio: Contrattate Sempre! Dopo la visita al quartiere cinese, animato in pomeriggio e fino a tarda notte, si prende il taxi e si va  ad immergersi nella tranquillità del parco di Lake Gardens, giardini di 60 ettari nel cuore della metropoli. Il giorno dopo bisogna fere un salto alla grotta di Batu Caves. Ci sono scimmie che vengono a prendervi in cibo dalle mani. Questa grotta  ha all’interno un tempio Hindù ed è molto suggestiva.Visite da non perdere  la fabbrica del Peltro di Selangor dove troverete coppe medievali e tantissimi altri articoli veramente belle la fabbrica dei Batik di Selayang. Vi consiglio di comperare solo tovaglie, di tutti i colori (la fabbrica al contrario di quello che si pensa non è a buon mercato!).

La sera a Kuala Lumpur

Cosa fare la sera? Purtroppo non ci sono molti locali o discoteche… Vale la pena di cenare all’Hard Rock Cafè dove si mangia della carne veramente squisita! (Assaggiate la torta con gelato alla  vaniglia e cioccolato + nocciole è sublime!). Il locale è bello anche se è un po’ più caro della media… Ma una sera si può fare! Altro ristorante molto caro è quello sopra la torre Menara ($$$$) ma la vista della città di notte è da togliere il fiato! Un consiglio vicino a Chinatown c’è un supermercato locale su 4 piani.Visitatelo  potrete acquistare a prezzi locali! È l’ideale per fare la spesa di alimentari e all’ultimo piano trovate una serie di ristoranti con almeno 10 cucine diverse (è frequentato dagli scolari e quindi si mangia bene a poco prezzo $!).  Il posto è pulito e gradevolissimo. Consiglio: i malesi sono molto gentili e in fatto di civiltà non hanno nulla da imparare; non è un paese del terzo mondo! Altra cosa da vedere il palazzo del Sultano Ismail in centro. Per passeggiare  indossate un paio di scarpe da ginnastica comode! Occhio ai tassisti furbi, purtroppo ce ne sono (anche se pochi); non date più di 5 Ringgit per le corse in città.

Tioman: una delle dieci isole più belle del Mondo

Veduta Mare
Questa la pace che regna a Tioman!

Dopo Kuala Lumpur merita una sosta l’isola di  Tioman. L’isola è meta sia per nave che per aereo… Appena scesi c’è da pagare una tassa per l’ingesso al parco marino (5 RM). I turisti vi si fermano massimo per 3 giorni: io vi ho passato 11 notti… Se volete conquistare la vostra donna portatela a Tioman.Qui il tempo si ferma, non c’è bisogno di correre. Sull’isola tre sono le cose principali da fare: prendere il sole, mangiare e dormire… Non abbiate paura di non trovare un posto dove dormire, l’isola ha un grosso complesso alberghiero il Berjaia Hotel, dove vi è anche un campo da golf e una bella spiaggia dalle acque cristalline. Purtroppo è caro da impazzire ($$$$) dalle camere ai drinks, ma non temete vi sono tantissimi bungalows  lungo tutta la spiaggia, non c’è proprio problema sul dove dormire, basta scegliere. A Tioman  ci si sposta a piedi, in barca  o in mountain bike! Quest’ultima soluzione vi farà perdere un bel pò di chili e vi assicuro vi farà divertire da matti! Merita una gita poi l’attraversamento dell’isola a piedi nella Jungla, 4 km di su e giù tra alberi giganteschi dove non passa il sole! Lo possono fare tutti ma ricordate che alle 16.00 dall’altra parte vi è l’ultimo battello per riportarvi a casa  e per fare il percorso occorrono almeno 4 ore (attenzione: portatevi le scarpe alte e lozione repellente per insetti, la vegetazione è rigogliosa e anche la fauna è molto attiva. Non dimenticate l’acqua da bere).

Bamboo Hill
Una notte al suono delle onde?Al Bamboo Hill…

Sull’isola fate almeno un’immersione, consiglio il Diving B&J, di altissimo livello professionale (tratta anche Nitrox e Trimix). Il manager parla ben 8 lingue! I più bei bungalows dell’isola sono quelli del Bamboo Hill, ($) gestiti da 2 signore: :un’australiana e un’inglese. Il posto ha una vista sulla baia unica, le camere non sono molte ma avete il mare sotto il balcone! Veramente eccezionali (attenzione ai vostri bollenti spiriti notturni perché i bungalows sono di legno e magari i vostri vicini vi possono sentire quando fate all’amore… visto che il posto stimola!). Troverete di seguiti l’indirizzo internet per prenotare, il costo è minimo e avete bagno con doccia in camera e il bollitore per colazione. Molti i supermercati sul sentiero della costa. Spettacolare la colazione la mattina vista mare! Per i ristorantini non c’è problema: ce ne sono uno per ogni serata! Ottimo il pesce e la cucina malese! Dell’isola visitate il più possibile:  Monkie Bay, il museo  oceanografico gratuito, le cascate e le numerose spiagge tutte da scoprire… Secondo me la più bella è quella dopo il Berjaia Hotel… Sabbia bianca e mare azzurro cobalto! Non vi preoccupate per l’ingresso all’hotel è libero e potete tranquillamente e godervi il mare! Fate snorkelling e immersioni,  ci sono tantissimi pesci, dalle mante alle razze agli squaletti e se avete fortuna incontrate i delfini che giocano. (Nota per i nottambuli: Tioman di notte non è Rimini non c’è un solo disco-bar quindi non si cucca e non si balla) si sentono solo i rumori delle onde e della foresta. Ah dimenticavo: occhio ai varani e ai pipistrelli  “very big”  ma innocui…

Biglietto per l'isola
Ticket per l’isola di Tioman che si paga all’arrivo in aeroporto

Ricapitolando: periodo di permanenza Agosto-Settembre.

Volo: by British Airways via Londra: (si mangia bene e si è coccolati. Al ritorno un po’ scomodi i sedili). Poi Berjaya Air (K.L.-Tioman) quadrimotore a elica. Il biglietto lo si può prenotare via British e lo si paga a Milano in aeroporto, a Malpensa. Tempo: soleggiato (occhio ai colpi di sole sono Mega), piove la sera o la notte. I temporali sono spettacoli da ammirare per i lampi! Su 11 giorni solo uno di pioggia -era da 3 mesi che non cadeva un goccio d’acqua- Problemi: nessuno, vi consiglio di portarvi una lozione contro gli insetti o una crema solare che la include, vi sono infatti alcuni strani insetti -non zanzare- che beccano di giorno se è nuvoloso o sotto le piante, sono piccoli e bianchi, poi diventano rossi  (bastardi dentro!).Quando scendete dall’aereo a Tioman date un’occhiata a dove finisce la pista di atterraggio. A Tioman non strappate corallo vivo ne raccogliete conchiglie con il mollusco. All’uscita dall’isola vi controllano il bagaglio. L’isola è parco naturale e le multe sono salatissime. La birra è molto cara! Ricordini: fantastici lavori in peltro, batik di Tioman dipinti a mano in cotone, cd, magliette e quello che vi piace di più. Ho fatto molte fotografie. Costo: volo + 18 notti tutto compreso fai da te  sotto i 2.500.000 di lire. Buon viaggio!

Tramonto a Tioman
Un tramonto così non capita di vederlo tutti i giorni, tranne a Tioman…

I tramonti di Tioman: che dire? Basta guardare…Eh preparare le valige…

Fabio Bari

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here