banner voyager

Prosegue l’avventura di Maurizio.

Il suo racconto è carico d’emozione e di passione per una terra dal passato poco felice ma che ora si sta lentamente risollevando. Un ricordo di un viaggio estremamente particolareggiato…

14 Gennaio 2003 – Granada, Volcan Masaya, Masaya, Santa Catarina, laguna d’Apoyo, Granada. ( 70 Km. in bus )

Ci alziamo prestissimo, visto che la giornata ha un programma molto ricco, che inizia con la visita del Parco Nazionale del Vulcano Masaya. Per raggiungerlo da Granada, dobbiamo prendere il bus per Managua e scendere lungo la strada, all’entrata del parco. Come prima cosa ci rechiamo a piedi al terminal dei bus per Managua, che si trova dalla parte opposta della città : 5 cuadre oltre il parco e tre a destra.

Per arrivarci ci impieghiamo una ventina di minuti e fortunatamente troviamo un bus in partenza.

Costo del biglietto sino all’entrata del Parco Nazionale del Vulcano Masaya”, 7 C$ e circa un’ora di viaggio. Il bus ci lascia proprio di fronte all’entrata : attraversiamo la strada e paghiamo il biglietto di ingresso, che per i turisti è di 60 C$. Con noi entrano altri due italiani, padre e figlia, che ci accompagneranno per l’intera escursione.

La ragazza è in vacanza; è infatti venuta a trovare il padre, che si è stabilito qui da 8 mesi, aprendo una finca, “Lo Zopilote”, sull’isola di Ometepe ! La cosa ci interessa molto, visto che dovremo andare sull’isola e prendiamo tutte le informazioni necessarie per poterne usufruire se si presenterà l’occasione.

Con la loro compagnia, i 5 Km. di strada sino al cratere del Nindiri, sono meno lunghi e faticosi di quello che potrebbero sembrare… La strada per raggiungere il cratere è completamente asfaltata e si snoda tra la colata lavica del lontano 1772, in un paesaggio lunare, scenograficamente straordinario.

L’ultimo terzo di strada è un pò più ripido dei precedenti due terzi, ma sull’onda dell’entusiasmo arriviamo al “mirador” : la strada si allarga in un piazzale, la “Plaza de Oviedo” (in onore del primo straniero che scoprì ed esplorò il complesso vulcanico), che termina con un parapetto di pietra, oltre il quale, sul fondo si vede il cratere del Nindiri, fumante, visto che è attivo !

Un cartello recita di prestare molta attenzione, ricordando che il vulcano è attivo e può esalare fumi tossici e mortali ! L’odore di zolfo è forte ed acre, il calore percettibile. Lo spettacolo che la natura ci offre irripetibile. Sulla destra, alla fine di una lunga scalinata, una croce di legno, posta sulla sommità di un’altura, si staglia nel cielo. Seguiamo il sentiero sulla sinistra, che porta ad un’altro mirador, posto più in alto; anche da qui la vista è spettacolare ! Proviamo a scendere lungo la strada per raggiungere il ciglio opposto del cratere, ma veniamo repentinamente fermati dalle guardie del parco : non è possibile andarci !

A malincuore risaliamo e dopo una sosta sul vicino cratere San Fernando, ormai ricoperto dalla vegetazione, visto che è inattivo da oltre 200 anni, prendiamo la strada del ritorno.

Il sole ora è forte e non aver portato l’abbronzante, mi costerà una quasi scottatura di braccia, gambe e collo : meno male che il fido cappellino è sempre con me ! La discesa sembra molto più lunga della salita, forse perché ci fermiamo al centro informativo dei visitatori, dove è allestito una sorta di museo che mostra la storia del vulcano e la flora, fauna e geologia che caratterizza il parco.

Non è nulla di particolare, anzi serve solo come pausa durante la discesa, visto che i plastici in cartapesta, mi ricordano molto i lavori che facevo alle medie ! Poche altre centinaia di metri e siamo finalmente all’uscita ! Ci sistemiamo sulla strada e aspettiamo il primo bus per Masaya.

Saliamo sul primo che passa, ma sfortunatamente, non è diretto a Masaya, ma è solo “de paso” : ciò significa che ci lascerà all’incrocio con la strada che porta a Masaya per 2 C$, dove dovremmo prendere un’altro bus ! In dieci minuti siamo all’incrocio, altrettanti per aspettare e prendere il bus per Masaya (3 C$) e qualcuno meno per raggiungere il terminal.

Alle spalle del terminal si sviluppa il nuovo mercato cittadino, diviso in zone : alimentari, artigianato, abbigliamento. E’ una città nella città, un dedalo di vicoli tra le varie bancherelle dove perdersi e perdere l’orientamento non è affatto così difficile.

Una vera e propria attrazione, da non lasciarsi scappare ! Passiamo qualche ora al suo interno, acquistando diversi oggetti di artigianato : caratteristici sono soprattutto i piccoli oggetti di legno, pietra e i dipinti a olio. Non meno particolare e interessante è l’occasione di parlare con la gente, sempre gentile e ben disposta, mai pressante e insistente nel tentativo di vendervi qualcosa, ma amabile, come tutto il Nicaragua appare agli occhi del viaggiatore…

Dopo aver completato gli acquisti, riemergiamo dal dedalo vi vicoli del mercato e andiamo a prendere il bus per Santa Catarina, dove dal suo mirador è possibile vedere la Laguna di Apoyo. La buseta è ferma al suo posto e parte solo dopo un quarto d’ora, durante il quale assisto divertito al consueto alternarsi di venditori di ogni genere di cose…, dal refrescos, al cibo, alle tovaglie…

Particolarmente simpatica una coppia di bambini che vende caramelle, poste dentro una bacinella di plastica arancione. Due occhi enormi e dolci mi fissano e mi chiedono di acquistare qual cosa : il cuore non regge e anche se non prendo nulla, gli regalo due pesos…

L’autista, che dorme appoggiato al volante, si desta come se svegliato da un orologio biologico puntato sull’ora della partenza, accende il mezzo e si parte.

Una decina di minuti e 3 C$ per raggiungere Santa Catarina, posta sul colle a ridosso di Masaya. Scendiamo all’incrocio, attraversiamo la strada, poche decine di metri e imbocchiamo la via principale del paese : impossibile sbagliare, ad aiutarvi come punto di riferimento, ci sono le moto-carrozzelle, che fungono da taxi e se questo non bastasse, seguite le indicazioni per un fantomatico “Las Vegas”, che in seguito scoprirò essere una sala giochi dotata di slot-machine !

Cominciamo a salire seguendo la strada che percorre tutta Santa Catarina; il paesino è caratteristico e ricco di negozi che offrono oggetti di artigianato. Proseguiamo sempre dritto di fronte a noi, superiamo la chiesa, quindi altre due quadre e giungiamo al “mirador”. Qui si paga un biglietto di ingresso di 1 C$ per accedere al giardino, da cui si domina l’intera Laguna di Apoyo, un vasto bacino di acqua azzurra, formatosi all’interno di un antico cratere. La vista è mozzafiato, bella e particolare : c’è un vento fortissimo, il cielo è terso il suo azzurro pastello contrasta con quello più profondo della laguna. Sullo sfondo, sfocata, all’orizzonte, Granata, di cui si riconosce la cattedrale.

Restiamo pochi minuti, qualche foto e un lungo sguardo contemplativo, quindi ritorniamo indietro, ripercorrendo a ritroso il nostro cammino. Ritornati sulla strada principale, ci appostiamo sul ciglio e attendiamo il bus che ci riporti a Masaya : non tarda e così in men che non si dica, siamo di nuovo al terminal, da dove eravamo partiti !

Abbiamo ancora del tempo, quindi convinco Michele ad andare a vedere il vecchio mercato dell’artisaneria, pezzo forte di Masaya, le cui foto ho visto su internet : per raggiungerlo basta fare una piccola passeggiata di dieci minuti, con la quale si scopre anche un po’ della città. Usciti dal piazzale sterrato del terminal, costeggiamo, tenendolo sulla sinistra, il mercato nuovo, quindi superiamo il ponte che ci si trova di fronte e proseguire diritto per 3 quadre : all’improvviso, le mura del vecchio mercato dell’artisaneria, mi appaiono sulla destra.

Purtroppo questo è solo quello che resta del famoso mercato…; al suo interno infatti adesso trovano posto i negozi che vendono le stesse identiche cose che si possono trovare al mercato nuovo, ma a un prezzo molto più alto.

E’ stato trasformato in uno specchio per allodole, dove attrarre i turisti… impossibile anche tentare di tirare sul prezzo…, sono irremovibili, a differenza del nuovo mercato…

Tuttavia la sua struttura esterna, di vecchia fortezza, ha mantenuto immutato il proprio fascino, anche se all’entrata un cartellone coloratissimo, che stona come un trombone in una sinfonia di violini, ne altera un po’ il fascino. Diciamo che se si ha tempo, merita la visita, se non altro per vedere anche un po’ di Masaya… Ritorniamo al terminal e troviamo in partenza un bus per Granata, sul quale saliamo al volo : 5 C$ e 40 minuti di viaggio ed eccoci di ritorno nella “gran sultana” !

Scendiamo prima del terminal e ripercorriamo “Calle Xalteva” per raggiungere una fabbrica di sigari, dove comprarne qualcuno per l’amico Max.

Superiamo la chiesa che da il nome alla strada e subito dopo sulla destra ritroviamo il negozio che avevamo visto il giorno prima : “Doña Elba Cigar”, una sorta di fabbrica familiare, dove oltre a produrre, vendono i sigari. Ce ne sono di diversi tipi e se ne possono acquistare un numero a piacere : non è infatti necessario comprare la scatola, ma se ne possono chiedere anche un numero inferiore, che vengono confezionati a parte.

Il costo sembra buono : 20 sigari “robustos” costano, 200 C$, mentre una confezione di 5 sigarillos, 50 C$. Una “hacienda familiar” ed un servizio ottimo, consigliato a chi interessa.

Tornando verso il “Cocibolca”, ci fermiamo al supermercato (sulla destra, subito prima di incrociare “Calle du Commercio”, a una quadra dal parco) e facciamo un po’ di spesa per la nostra cena : ananas, ron “Flor de Caña” 5 años, coca, salumi… Comunque si trova di tutto, compresa la pasta, anche se è un pò cara ! Per il resto invece, i prezzi sono Nica…

Il pane lo acquistiamo invece lungo la strada, ad una bancherella : un filone da un chilo, 8 C$ ! In serata, dopo aver consumato la nostra cena al Cocibolca, usciamo a fare un giro per Granata, raggiungendo il parco, quindi avendo ancora un languorino, ci fermiamo alla “Pizzeria Don Luca”, che si trova di fronte al “Cocibolca” e ci facciamo una pizza !

Il locale è gestito da un italiano, che viveva e lavorava a Bien in Svizzera e che ora si è trasferito qui. La pizza non è malvagia e viene offerta in tre dimensioni : la più grande, che basta per due, costa 57 C$. Finalmente sazi, prendiamo un po’ di fresco sul marciapiede dondolandoci sulle “abueljte” del “Cocibolca”, quindi in branda.

 

15 Gennaio 2003 – Granada, Rivas, San Jorge, Moyogalpa ( Isola di Ometepe), Altagracia. ( 72 Km. in bus + 13 Km. In barca + 17 Km. in bus )

Sveglia prestissimo per raggiungere Rivas e quindi spostarci sull’isola di Ometepe. Alle 07.00 siamo già in cammino verso il terminal e nel parco, ritroviamo i due italiani che ci hanno accompagnato nell’escursione sul vulcano Masaya.

Un saluto veloce, quindi percorriamo “Calle du Commercio”, mentre i vari negozi stanno aprendo i battenti e arriviamo al terminal, dove due giorni prima siamo giunti. Il bus per Rivas, però, deve ancora arrivare e partirà solo alle 08.00 !  Fortunatamente è puntuale e alle 08.00 lasciamo Granata alla volta di Rivas : costo del viaggio 13 C$, durata circa un’ora e mezza, tra fermate per far salire e scendere gente, venditori e predicatori…

Giunti al terminal di Rivas, è necessario prendere un taxi, per raggiungere San Jorge, il porto da cui partono i ferry e le lance per Ometepe. Appena scesi veniamo assaliti da un’orda di taxisti, che tentano di accaparrarsi il cliente; i prezzi chiesti sono i più disparati, sino a 20 C$ a persona ! Non farsi prendere dalla fretta è indispensabile per evitare fregature… Il prezzo giusto per la corsa infatti è di 30 C$ in totale !!!

Recuperiamo lo zaino dal tetto del bus, ci riuniamo con un altro ragazzo italiano e due tedeschi e prendiamo un solo taxi per 30 C$, ovvero 6 C$ a testa ! Dal terminal a san Jorge il tragitto è breve : circa 5 minuti e il taxi ci scarica proprio all’ingresso del molo.

Qui a sinistra dell’entrata c’è la biglietteria, dove poter fare il biglietto per il Ferry, ma non farlo non comporta alcun pericolo o svantaggio : si paga direttamente sulla barca ! Costo : 20 C$. Dal molo si scorge tra la foschia la sagoma dell’isola di Ometepe, la più grande isola lacustre al mondo. Impressionanti i due vulcani che la compongono : il Conception e il Maderas. Imponenti e massicci, coperti di vegetazione, con un ciuffo di nuvole a coprirgli la vetta. Il lago invece sembra un vero e proprio mare, con onde robuste e alte, alimentate dal forte vento.

La traversata dura circa un’ora e il ferry balla parecchio sotto la spinta delle onde nel primo tratto : meno male che non soffro il mal di mare (o meglio sarebbe dire di lago…!). Anzi il dondolio, mi concilia il sonno, così mi faccio una bella dormita, destandomi giusto in tempo per vedere l’attracco ! Di fronte a noi, superbo il vulcano Concepcion, ci accoglie a Moyagalpa. Appena scesi bisogna destreggiarsi tra i taxista che cercano di accaparrarsi un cliente di giornata, quindi fatti circa una trentina di metri, sulla destra, si trova il bus per Altagracia.

Prendiamo posto, insieme a molte persone che hanno fatto la traversata con noi e rincontriamo Marcus, il ragazzo inglese conosciuto a Granata, che si unisce a noi.

Lo spostamento in termini di spazio è modesto; solo 17 chilometri separano, infatti, Moyagalpa da Altagracia. In termini di tempo invece, incredibilmente lungo : circa un’ora, a causa del pessimo stato delle strade, che oltre ad essere sterrate e strette, sono anche piene di buche… Il bus poi non è dei più recenti e arranca a fatica per tutto il percorso. Costo : 9 C$. Altagracia è un piccolo paesino, che si sviluppa esclusivamente ai lati della strada che lo attraversa.  Appena scesi, non fatichiamo affatto a individuare l’Hotel Castillo, che si trova nella prima traversa verso l’interno, subito dopo l’inizio dell’abitato. L’Hotel è carino, pulito e ben tenuto : a prima vista mi fa subito una bella impressione.

Chiediamo una stanza da tre posti e quella che ci propongono non è affatto male : spaziosa, letti comodi, bagno grande, con doccia e acqua corrente, anche se solo fredda. Costo : 70 C$ a testa (ovvero, la tripla per 210 C$).

Ci sistemiamo, una bella doccia, quindi usufruiamo subito della cucina dell’hotel, che si rivela buona e a buon mercato : per un bel “pescado” con riso, fagioli e tostones , spendo solo 27 C$ ! Tutto viene segnato sul numero della camera, quindi si salda il conto alla partenza. Scriversi cosa si è consumato è buona norma, anche se i Nica sono persone estremamente corrette e oneste; un errore però possono farlo tutti… L’hotel dispone anche di internet e sono presenti due PC, dai quali ci si può connettere. Il costo però, è un tantino alto : 75 C$ l’ora, ma la connessione è veloce ed efficiente.

Dopo pranzo usciamo alla scoperta di Altagracia. Percorriamo la strada principale verso sinistra, superiamo il “Comedor Buen Gusto”, segnalato sulla nostra guida, quindi raggiungiamo la piazza. Di fronte c’è la chiesa con un piccolo giardino antistante, nel quale sono poste diverse statue di pietra, molto particolari.

Tuttavia la cosa che mi balza più agli occhi sono i maiali, che beatamente se ne stanno al pascolo nel giardino !

Imbocchiamo la strada adiacente al giardino e ci dirigiamo verso il lago. Camminiamo per circa venti minuti, immersi nelle piantagioni di platano e banane, con il Concepcion, che ci controlla le spalle, incontrando ogni tanto la casa di qualche famiglia di contadini, che incuriositi ci osservano e ci sorridono, rispondendo garbatamente al nostro amichevole “Hola !”. Arriviamo sino alle sponde del lago, in quella che è Playa Angul. Il Cocobolca sembra nero, da quanto è scura l’acqua, a causa del colore della sabbia del fondale, che essendo vulcanica è molto scura…

Il vento agita le acque, le onde si inseguono di continuo, le sponde sono un tripudio di verde, per la vegetazione rigogliosa. La piccola insenatura è soprattutto rocciosa e poco distante scorgo due ragazze che fanno il bucato : la cosa più normale al mondo, sapone, olio di gomiti, qualche sbattuta sulle rocce e risciacquo…, altro che lavatrice !

Ritorniamo sui nostri passi e prendiamo un altro sentiero, che si inoltra tra i platani.

Qui ci sono più abitazioni e suscitiamo l’interesse soprattutto dei bambini : occhi grandi, profondi, sguardo furbo, sorriso contagioso e aperto. A tutti un “buenas” e da tutti una risposta ! La seconda spiaggia è molto più ampia, una mezza luna completa, di sabbia fine, quasi nera.

Sulla strada del ritorno abbiamo di fronte il Concepcion : alto, lussureggiante, maestoso e sormontato da un cappello di nuvole che ne avvolge solo la cima, quasi fosse panna montata su un’enorme gelato. Uno spettacolo !

Ritorniamo al “Castillo” e mentre attendiamo che arrivi l’ora di cena, scrivendo le impressioni di giornata, incontriamo e conosciamo, una persona che in realtà conoscevamo gia da diversi mesi via internet : la mitica Enrica di Roma, con la quale ci siamo scambiati moltissime informazioni e sensazioni su questo viaggio.

Sapevamo che c’era la possibilità di incontrarsi, ma non avendo programmato nulla, ritrovarsi sull’affascinate isola di Ometepe è una fatalità straordinaria.

Siamo contenti : la cena nicaraguese che ci eravamo ripromessi la consumeremo davvero ! Presentazioni di rito, anche se mi sembra di conoscerla da una vita… e primo contatto con i suoi compagni di viaggio : Claudia e Nello, persone simpaticissime e particolari, la cui conoscenza renderà questa esperienza straordinaria. Prima di soddisfare lo stomaco, ci accordiamo, grazie all’intermediazione dell’hotel, con Silvio, la guida che domani ci accompagnerà nell’escursione sul vulcano Maderas. Trattiamo sul prezzo, coinvolgiamo nell’escursione Enrica, Claudia e Nello e alla fine ci accordiamo per 60 C$ ciascuno (siamo in 7), più 25 C$ per il pranzo al sacco che ci preparerà l’hotel.

– A posteriori posso candidamente dire che della guida potevamo fare tranquillamente a meno, non perché non sia preparata, ma solo per il fatto che è un’escursione che si può tranquillamente organizzarsi e fare da soli ! Basta prendere il bus per Balgüe, andare all’Hacienda Magdalena, da dove parte il sentiero, quindi seguirlo da soli, oppure aspettare che parta un gruppo con la guida e accodarsi a poca distanza e il gioco è fatto ! Finalmente si va a mangiare, mentre lo stomaco comincia a borbottare… Cena al “Comedor El Buen Gusto” insieme a Marcus e Roberto, altro ragazzo di Torino che ha raggiunto l’isola questa mattina con noi, Enrica, Claudia e Nello.

Il comedor, si rivela ottimo per il cibo, come la guida suggeriva, e con prezzi economici : un pescado intero con riso e tostones e una Tona, 45 C$ !!!

L’aperitivo lo offro io : una bella bottiglia di ron “Flor de Cana” invecchiato 5 anni, comprato a Granata la sera prima, che svanisce velocemente…

Soddisfatto lo stomaco, via tutti in branda, senza dimenticarsi di ritirare il pranzo al sacco dalla cucina dell’hotel ! Il contenuto mi sembra soddisfacente per i 25 C$ che ci costa : due panini dolci, tre uova sode, un pomodoro, un pezzo di formaggio di capra, aranci e una banana.

 

16 Gennaio 2003 – Altagracia, Volcan Maderas, Playa Santo Domingo, Altagracia. ( 14 Km. in bus )

Sveglia prestissimo, alle 04.00 visto che dobbiamo prendere il bus per Balgüe, che parte dalla piazza alle 04.15. Silvio ci aspetta nel giardino dell’hotel e una volta riuniti i partecipanti, raggiungiamo la piazza e saliamo sul nostro bus, che parte in orario. E’ ancora notte, la strada dissestata e sterrata rende il tragitto lento e faticoso per il vecchio mezzo, che arranca fendendo il buio con la luce dei fari.

Impieghiamo circa 45 minuti per arrivare a Balgüe : costo 8 C$. E’ ancora buio e raggiungiamo l’Hacienda Magdalena, seguendo il sentiero di 1 chilometro che parte proprio dove l’autista ci fa scendere. Quando arriviamo sta albeggiando e ci sediamo sui tavolini, sotto il pergolato, aspettando che venga giorno. L’alba illumina l’Hacienda e i nostri volti, da cui traspare la fatica dell’alzataccia.

Il brusio delle nostre parole rompe la tranquillità del luogo e cominciano a comparire anche i campesisnos, che lavorano all’Hacienda e gli ospiti che vi sono ospiti; qui infatti si può anche dormire e si hanno tre scelte : amaca, camera, dormitorio comune.  E’ un luogo molto caratteristico e particolare, ma ha l’inconveniente di essere un pò isolato e poco collegato con Altagracia e Moyagalpa.

Altra possibilità di dormire è data dalla “Finca Zopilote”, poco distante, aperta recentemente da un italiano, che si è stabilito sull’isola. Offre, amache, dormitorio e bungalow, uso della cucina e chiaramente…, compagnia italiana ! Si fa definitivamente giorno e non può passare inosservata la tenuta da escursione che sfodera Claudia : pantalone color sabbia corto, appena sotto il ginocchio, scarpe da tennis in tinta e magliettina nera. E’ tutta intenta a cercare di ripulire dai pantaloni una minuscola macchia che una goccia di cafè ha inavvertitamente provocato… Non sa ancora cosa ci aspetta !

Finalmente si parte per l’escursione. Prima pero bisogna pagare l’eventuale colazione consumata e l’accesso al sentiero, che costa 20 C$ (cosa, quest’ultima, incomprensibile ! Comunque vi segnalo che l’italiano che gestisce la Finca Zopilote, ci aveva confidato, durante l’escursione al Volcan Masaya, che facemmo insieme, la sua intenzione di aprire un sentiero gratuito che partendo dalla sua finca, si ricollegasse al sentiero principale, evitando quindi di pagare l’Hacienda ! Ci sarà riuscito ? A voi scoprirlo e, nel caso, farmelo e farlo sapere a tutti…). Cominciamo a salire lungo il sentiero seguendo Silvio, anche se non sarebbe affatto necessario; il cammino infatti è ben segnato e battuto e non si può sbagliare.

La prima parte è quasi pianeggiante, immersa nelle piantagioni di platani dell’Hacienda e asciutta. Si vedono facilmente le scimmie sulle cime degli alberi e l’urraca, uccello tipico dell’isola dal piumaggio azzurro intenso e con un simpatico ciuffetto sul capo. Il sentiero si snoda per 5 chilometri totali, prima di raggiungere la cima, ma la distanza non è affatto il problema principale. Man mano che saliamo, la strada si fa più irta e pendente, la vegetazione cresce, l’umidità aumenta. Si cammina tra le nuvole che ricoprono il vulcano per due terzi della sua altezza e il fango e l’acqua cominciano a fare capolino sotto i nostri piedi. Le scarpe da trekking sarebbero l’ideale, ma anche con quelle da tennis, se non hanno suola liscia ce la si può fare…

Schizzi di fango ci segnano scarpe, gambe e vestiti : e pensare che Claudia si preoccupava della macchietta di cafè… Al chilometro 2,5 c’è il mirador. Ci arriviamo faticando e non vediamo praticamente nulla : solo il grigio delle nuvole che ci avvolgono !

Enrica, Claudia, Nello e Roberto decidono di tornare indietro accompagnati da Silvio, che si è guadagnato cosi i suoi soldi senza fare praticamente nulla o comunque senza portare a termine il suo lavoro… Io, Michele e Marcus invece, continuiamo da soli l’ascesa.

Se fino a qui la marcia poteva sembrare faticosa, quello che viene e ci aspetta dopo lo sarà ancora di più… Il sentiero si riempie praticamente di fango a causa dell’acqua che scende dalla cima e ben presto mi ritrovo ad arrancare sprofondando in alcuni punti sino quasi al ginocchio… E più saliamo, più la situazione peggiora… Arriviamo sino al chilometro 4, bagnati completamente, con scarpe e gambe del colore marroncino chiaro del fango e scivolando ripetutamente. E siamo ancora in mezzo alle nuvole…

Visto che la situazione del tempo non migliora e manca ancora un’ora alla vetta, io e Michele decidiamo che ci può bastare e torniamo indietro : il solo Marcus, continua da solo nell’impresa !

La discesa è ancora più problematica della salita… Se affondare nel fango durante l’ascesa era faticoso e laborioso, evitare di scivolare su radici, foglie e sassi durante la discesa è un’impresa titanica e impossibile, che non riusciamo a portare a termine…

Scivolo diverse volte e solo riflessi e fortuna mi evitano di ritrovarmi anche con qualcos’altro, oltre le scarpe, nel fango ! Lentamente raggiungiamo il mirador, che è ancora coperto dalle nuvole e dopo una breve sosta, riprendiamo la via del ritorno. Da qui il sentiero migliora sempre più rapidamente e senza neanche accorgerci usciamo dalle nuvole e ci ritroviamo a camminare con i raggi del sole che filtrano dalla boscaglia.

L’ultimo tratto, prima di giungere all’Hacianda Magdalena è il più bello : moltissime “urraca” volano da pianta a pianta e con il loro colore azzurro intenso mitigano la nostra delusione per un escursione mancata, che col senno di poi, non valeva la pena fare.

All’Hacienda ritroviamo i nostri quattro compagni di giornata, in comodo relax sulle amache. Mi ripulisco con l’acqua dal fango che mi ricopre le gambe; le calze le butto senza neanche provare a fare qualcosa per “salvarle”, le scarpe invece le ripulisco con cura : mi devono accompagnare per altri 12 giorni !

Verso le 13.00 lasciamo l’Hacienda Magdalena e ritorniamo sulla strada principale, da dove alle 13.30 parte il bus, che prendiamo al volo. Io, Michele, Roberto e Silvio scendiamo a Playa Santo Domingo, la più bella dell’isola. Enrica, Claudia e Nello, che l’hanno vista ieri, proseguono invece per la “laguna del charco verde”.

Scendiamo di fronte l’hotel “Finca Santo Domingo”, costruito praticamente sulla sabbia della spiaggia, che è davvero particolare. Lunga, di sabbia bianca, sullo sfondo il Maderas con la cima ricoperta dalle nuvole : l’impatto visivo è veramente caratteristico e bello.

Sul lago dall’acqua scura, le onde si inseguono regolarmente e visto che è acqua dolce ne approfitto per fare un bel bagno…

Quindi prendiamo posto sulla veranda vista lago dell’hotel e sorseggiamo qualche Toña, aspettando le 16.30, ora in cui passerà il bus per Altagracia.

Verso quell’ora ci sistemiamo sulla strada, ma invece del bus, prendiamo, grazie all’aiuto di Silvio, un pick-up, che ci porta velocemente proprio davanti al nostro hotel ad Altagracia : costo del passaggio 5 C$ a testa.

Finalmente una doccia vera, che mi ripulisce definitivamente dal fango ocra del Maderas.

Mentre sto per uscire dalla camera ecco arrivare Marcus, l’unico di noi ad aver raggiunto la vetta ! Gli chiedo com’erà, mi risponde che non si vedeva niente, era in mezzo alle nuvole e la vegetazione era così fitta e alta che anche se fosse stato limpido non si sarebbe comunque vista la laguna nel cratere del vulcano ! Grande idea essersi fermati, allora ! Non del tutto, dato che al ritorno, al mirador, le nuvole si erano dissipate e la vista era fantastica… Uso internet : veloce anche se un pò caro (75 C$ all’ora), ma tanto non c’è scelta…

Tutti insieme, decidiamo di cenare al Castillo e la cena si rivela buona come il pranzo del giorno precedente. Concludiamo la serata sorseggiando il mitico Flor de Caña, che questa volta offre la mitica Doña Enrica : strano come mi sembra di conoscere da una vita queste persone straordinarie che ho conosciuto realmente solo ieri…

A fine serata, tristi i saluti : domani ci divideremo dai nostri nuovi amici…, così presto, ma inevitabilmente; i nostri itinerari sono diversi, ma forse ci ritroveremo a San Juan del Sur a fine mese…

Continua…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here